Musica e Terapia

Voglio iniziare questo breve articolo con una delle mie citazioni preferite:

“Alimentare ed accrescere l’intima essenza dell’essere umano
attraverso l’uso creativo e terapeutico della musica
è un lavoro che arricchisce profondamente.
Ricevere i benefici di questa terapia è un’esperienza
che arricchisce profondamente.”


Edith Hillman Boxill 1991

Che cos’è la Musicoterapia?

La Musicoterapia è una terapia non verbale che rientra nella grande famiglie delle ArtiTerapie. Esistono diversi approcci in Musicoterapia, tanti quanti sono gli ambiti di ricerca. Diversi hanno una visione olistica e un approccio integrativo alla cura e al benessere dell’essere umano. Ecco alcune definizione di Musicoterapia:


“La Musicoterapia si propone di sviluppare potenziali e/o riabilitare funzioni dell’individuo in modo che egli possa ottenere una migliore integrazione sul piano intrapersonale e/o interpersonale e,conseguentemente, una migliore qualità della vita attraverso la prevenzione, la riabilitazione o la terapia” 
8th World Congress of Music Therapy, Amburgo, 1996

 

Quali sono gli ambiti di intervento?

La Musica utilizzata con scopi terapeutici viene impiegata nell’ambito della Salute. La Musica è uno strumento per la riabilitazione e la prevenzione.Viene utilizzata nell’ambito del Benessere con lo scopo di migliore la qualità e l’equilibrio psicofisico della persona, ri-armonizzando i propri vissuti interiori.

Vi sono diversi approcci. Tante tecniche e metodologie che hanno fatto nascere diverse Musico-Terapie.

Musicoterapia

Modelli in Musicoterapia

Alcuni modelli d’applicazione:

  • psicoterapico
  • pedagogico
  • psicoacustico
  • energetico-sonoro
  • psicoanalitico
  • umanistico
  • musicocentrato

Il modello terapeutico psicoanalitico, applicato in musicoterapia, consiste in una danza fatta da “Ricordo Verbalizzazione Elaborazione”. Là dove il processo dell’espressione verbale non può verificarsi per vari motivi, (esempio persone con autismo), la Musicoterapia diventa uno strumento efficace e altresì indispensabile.

“La musicoterapia è il campo della medicina che studia il complesso SUONO-ESSERE UMANO- SUONO per utilizzare il movimento, il suono e la musica con l’obiettivo  di aprire canali  di osservazione nell’ essere umano, per produrre effetti terapeutici, psicoprofilattici e di riabilitazione in lui stesso e nella società.”

Il setting in Musicoterapia

All’interno di un setting di musicoterapia si tesse una relazione sonoro-musicale tra musicoterapeuta e paziente. L’atto sonoro diviene la Voce, il Canale, lo Strumento di comunicazione primario per la persona. Lo spazio sonoro-musicale-terapeutico diventa la tela su cui la persona può dipingere i propri stati emotivi, psichici, fisici e spirituali. Il Dottor Bruscia K.E afferma che:

“L’unicità della musicoterapia sta non nella mera inclusione della musica, ma nella combinazione della musica con la terapia. Una teoria musicoterapeutica centrata solamente sulla natura dell’esperienza musicale sarebbe inadeguata.”

Ricordiamoci che l’elemento specifico della musicoterapia rimane il suono, senza l’elemento sonoro-vocale-musicale non esiste musicoterapia.

La scelta del Modello in Musicoterapia

Ogni musicoterapeuta ha un orientamento di base, un modello operativo specifico che dipende dal quadro teorico di riferimento che può essere psicologico, umanistico, comportamentale. Ognuno di noi può scegliere la strada che più si avvicini alle proprie esigenze e alle proprie necessità. Buona Vita e Buona Musica a Tutti.

Si continuaaa… MantraAdoro suonare il mio shruti box.#mantra #india #shruti #box #mariannapalillovocaltrainer #voce…

Pubblicato da HolisticVoice by Marianna Palillo su Martedì 23 gennaio 2018